LIPOFILLING


Il lipofilling è una tecnica chirurgica che si caratterizza nel trapianto del proprio grasso, prelevato da zone dove esso si trova in eccesso, in altre zone dove invece manca per motivi di ordine congenite, senile o acquisite.

La tecnica riguarda un innesto di tessuti che vengono trasferiti in modo da lasciare intatta la struttura vascolare. Le parti oggetto di trattamento sono il viso, le labbra, le cosce, i glutei e il seno.
Il ringiovanimento del viso riguarda alcune aree, zigomi, solchi del naso, mandibola, mento e labbra, che con l'invecchiamento tendono ad assottigliarsi motivo per il quale il lipofilling è la soluzione ideale.

Il lipofilling o liposcultura si caratterizza nel trapianto del proprio grasso, prelevato da zone dove esso si presenta in eccesso (addome, fianchi, cosce, ginocchia) in altre zone dove invece manca (viso, seno, cicatrici).

Il lipofilling è una tecnica mininvasiva che consente di ottenere ottimi risultati nel campo del modellamento dei profili corporei e del ringiovanimento del viso.

Intervento
La tecnica chirurgica del lipofilling viene eseguite mediante l’utilizzo di apposite microcannule che consentono l’aspirazione di piccole quantità di tessuto adiposo da un’area del corpo dove esso è sufficientemente disponibile (spesso l’addome), trasferendole immediatamente nella zona da correggere.

Grazie alle attuali tecniche, frutto di anni di progresso e consolidamento, le cellule adipose prelevate vengono trattate con modalità estremamente delicata e conservativa, in modo che la loro vitalità sia preservata in ogni fase dell’intervento. 
Ciò ha consentito di superare in buona parte l’unico limite del lipofilling, rappresentato dalla possibilità di non attecchimento e riassorbimento del grasso infiltrato.

Anestesia
L’intervento viene eseguito in anestesia locale o locale con eventuale sedazione.

Cicatrici
L’inserimento delle microcannule determinerà la presenza di piccole cicatrici di circa 2mm di lunghezza per consentire l’accesso delle microcannule.

Post operatorio
Successivamente all’intervento comparirà edema e gonfiore delle aree trattate di grado variabile in relazione ai volumi infiltrati e all’estensione delle aree trattate ed in relazione alla sensibilità de paziente. Questi scompariranno nell’arco di circa 10 giorni.